Riabilitazione Funzionale


...

La riabilitazione funzionale si è molto evoluta in questi ultimi anni, includendo varie tecniche di trattamenti.
Essa si basa su cinque step:

  1. riduzione del dolore e dell'infiammazione: gli obiettivi di questo step sono la riduzione della sintomatologia dolorosa e del quadro infiammatorio instauratosi, nonchè la riduzione del gonfiore, attraverso l'utilizzo di sofisticate strategie riabilitative;
  2. recupero dell'articolarità e della flessibilità: l'obiettivo è quello di raggiungere il completo range di movimento di un'articolazione o il ripristino di un movimento specifico in assenza di dolore;
  3. recupero della forza e della resistenza muscolare: l'obiettivo del terzo step è il ripristino della forza muscolare e il recupero della resistenza;
  4. recupero della coordinazione: l'obiettivo di questa fase è il recupero della corretta coordinazione dei movimenti;
  5. recupero della gestualità: l'obiettivo di questa fase è, per la persona comune, il recupero della normale gestualità della vita attiva. Per l'atleta, invece, essa è finalizzata al recupero del gesto tecnico sportivo che dovrà essere eseguito con precisione.

Riabilitazione Ortopedica


ortopedica

La riabilitazione ortopedica si occupa prevalentemente delle menomazioni e disabilità secondarie a patologie di origine traumatica a carico della componente scheletrica o secondarie ad intervento chirurgico. Il processo riabilitativo ha il fine di garantire un recupero soddisfacente delle performance motorie del paziente.
Per ogni paziente viene elaborato un progetto riabilitativo individuale in cui vengono specificati gli obiettivi del trattamento, le modalità e i tempi di intervento necessari per raggiungerli. In questo modo siamo in grado di offrire un intervento specifico incentrato sulla globalità del paziente, sui suoi bisogni e sulle sue aspirazioni.
Possibilità di trattamento a domicilio.

Riabilitazione Neurologica


ortopedica

La riabilitazione neurologica si rivolge a persone affette da disabilità conseguenti a malattie congenite o acquisite a carico del Sistema Nervoso Centrale e Periferico e muscolari: emiplegie, para-tetraplegie, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, polinevriti, miopatie, paralisi cerebrali infantili, etc. Le attività di riabilitazione neurologica si propongono di ridurre la disabilità motoria dei pazienti, favorendo la capacità intrinseca ed adattativa di recupero della persona assistita, stimolando la partecipazione attiva al programma riabilitativo. Sono utilizzate sia tecniche di tipo neuromotorio (Kabat, Bobath, Perfetti), che un approccio che prevede l’utilizzo di ortesi ed ausili per accrescere l’autonomia del paziente.

Riabilitazione Cardiologica


cardiologica

La riabilitazione cardiologica, cioè la riabilitazione dei pazienti affetti da malattie cardiovascolari, viene definita come la somma degli interventi richiesti per garantire le migliori condizioni fisiche, psicologiche e sociali, in modo che i pazienti con cardiopatia post- acuta o cronica possano riprendere o conservare il proprio ruolo nella società.

La riabilitazione cardiologica è rivolta a pazienti con:
  • esiti di intervento chirurgico per by-pass aorto-coronarico e/o sostituzione valvolare;
  • esiti di infarto del miocardio;
  • altre patologie cardiache invalidanti (es. scompenso cardiaco).
La riabilitazione cardiologica è indicata inoltre in preparazione di interventi di chirurgia toracica e cardiochirurgia.Il percorso riabilitativo cardiologico prevede più fasi: inquadramento clinico e diagnostico generale, valutazione dello stato nutrizionale, ottimizzazione della terapia farmacologica, training fisico personalizzato (monitoraggio della frequenza cardiaca, pressione arteriosa, saturazione dell’ossigeno, scala di Borg). Il training include, a seconda del caso clinico: ginnastica respiratoria, sedute alla cyclette o al tapis roulant, ginnastica calistenica e stretching muscolare, drenaggio delle secrezioni.

Riabilitazione Respiratoria


respiratoria

La riabilitazione respiratoria è un programma di cura multidisciplinare per pazienti con disfunzioni respiratorie in modo da cercare di ottimizzare l’autonomia e la performance fisica e sociale.

Gli obiettivi della riabilitazione respiratoria sono multifattoriali e comprendono:

  • riduzione sotto controllo dei sintomi respiratori;
  • incremento della capacità di esercizio;
  • miglioramento della qualità della vita;
  • riduzione dell’impatto psicologico dovuto al deficit funzionale ed alla disabilità;
  • riduzione del numero/gravità delle riacutizzazioni.
La riabilitazione respiratoria si rivolge a pazienti con BPCO con dispnea e ridotta tolleranza allo sforzo, in esito di intervento cardiochirurgico.

Rieducazione Propriocettiva


propriocettiva

Con il termine di rieducazione propriocettiva si intendono tutte le metodiche e gli esercizi mirati a stimolare e rieducare la sensibilità propriocettiva, quella, cioè, che ci permette di conoscere anche ad occhi chiusi la posizione del nostro corpo e dei suoi segmenti nello spazio. 
Particolari recettori raccolgono i segnali di origine periferica, trasmettendoli al sistema nervoso centrale che elabora le informazioni ricevute e le integra con altre afferenze (visive, labirintiche), per organizzare adeguate risposte motorie.
La funzione dei propriocettori è quindi fondamentale per regolare il tono muscolare, la postura e la corretta esecuzione dei movimenti.

Indicazioni terapeutiche:
  • Recupero post-traumatico
  • Recupero post-intervento chirurgico
  • Disturbi dell'equilibrio
  • Preparazione fisica
  • Prevenzione degli infortuni nello sport